Sulla possibilita’ di nominare nel c.d.a. Di una societa’ partecipata un dipendente in staff del sindaco

AREA: PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE

DOMANDA :

Viene domandato se un dipendente assunto ai sensi dell’articolo 90 del D. Lgs. 267/2000 possa essere nominato nel consiglio di amministrazione di una società interamente partecipata da enti pubblici, di cui l'Ente detiene la partecipazione maggioritaria e che è affidataria di servizi in house, ovvero se possa ricevere incarichi dalla società medesima.

RISPOSTA: 

I due quesiti posti dall'Amministrazione, per quanto correlati, devono essere trattati separatamente nell'ambito delle sempre più numerose e stringenti ipotesi di incompatibilità tra incarichi nelle pubbliche amministrazioni o tra incarichi nelle pubbliche amministrazioni e negli enti privati in controllo pubblico, nonché delle ulteriori disposizioni volte a garantire l'autonomia e l'indipendenza di chi assume incarichi pubblici.
Quanto al primo quesito, ci si limita ad osservare come la normativa vigente in tema di società partecipate escluda espressamente tale possibilità.
L'art. 11, c. 8 del D. Lgs. 175/2016 (cd. T.U.S.P.), rubricato “Organi amministrativi e di controllo delle società a controllo pubblico” prevede infatti che “Gli amministratori delle società a controllo pubblico non possono essere dipendenti delle amministrazioni pubbliche controllanti o vigilanti”.
A ben vedere si tratta, in questo caso, di una garanzia posta a tutela della società e della sua autonomia – anche se, ad onor del vero, la logica di tale divieto pare sfumare di fronte a casi in cui l'Ente partecipante detenga un controllo pervasivo se non totale della partecipata – piuttosto che dell'eventuale amministrazione controllante di appartenenza.
Ragionamento diverso deve invece essere seguito per rispondere al secondo quesito.
In questo caso, pur dando per supposta la possibilità per la società partecipata di conferire un incarico al predetto soggetto ancorchè facente parte dell'ufficio di staff del Sindaco di una delle Amministrazioni partecipanti, occorrerà attentamente e prudentemente valutare se non sussista un'ipotesi di incompatibilità rispetto all'attività svolta per il Suo Comune.
Nell'ambito della complessa normativa di settore, non pare sussista in relazione a tale ipotesi un'incompatibilità espressa.
Cionodimeno dovrà essere comunque operata un'attenta valutazione alla luce delle incompatibilità di cui all'art. 53 del D. Lgs. 165/2001, in considerazione sia della percentuale di tempo parziale di impiego del collaboratore in staff, sia dell'eventuale incarico che dovrebbe essere conferito dalla società partecipata.
Ci si limita a rammentare in questa sede come le incompatibilità di cui alla richiamata disposizione siano volte ad evitare che l'Amministrazione di appartenenza possa essere danneggiata dallo svolgimento di un'eventuale ulteriore attività lavorativa, anche sotto il profilo del potenziale conflitto di interessi.
A tal proposito, il documento recante “Criteri generali in materia di incarichi vietati ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche” approvato dal Dipartimento della Funzione Pubblica ha posto in debita evidenza il potenziale conflitto di interessi in presenza di “incarichi che si svolgono nei confronti di soggetti verso cui la struttura di assegnazione del dipendente svolge funzioni di controllo, di vigilanza o sanzionatorie, salve le ipotesi espressamente autorizzate dalla legge”.

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali