Acquisizione di lavori, beni e servizi

ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI
AREA: FORNITURE DI BENI E SERVIZI

DOMANDA:
Premesso che l’art. 9 comma 4 del Decreto Legge 24.04.2014 n. 66” Misure Urgenti per la competitività e la giustizia sociale” ha riformulato il comma 3 bis dell’art. 33 del Codice Contratti “ nei seguenti termini:
I Comuni non capoluogo di provincia procedono all’acquisizione di lavori, beni e servizi nell’ambito dell’Unione

dei comuni di cui all’art. 32 del Decreto Legislativo del 15 agosto 2000 n. 267, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province, ai sensi della Legge 7 aprile 2014 n. 56. In alternativa gli stessi Comuni possono effettuare i propri acquisti attraverso strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.P.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento”. 

Il Comune pone i seguenti quesiti:
1) E’ corretto interpretare la norma sopracitata nel senso che tutti i Comuni non di capoluogo non possono più procedere autonomamente in economia mediante amministrazione diretta per acquisizione di lavori, di beni, servizi e forniture di valore inferiore a 40 mila euro ( come era invece previsto all’art. 1 comma 343 della Legge di Stabilità 2014)?
2) Si può in conseguenza di ciò procedere ugualmente all’applicazione dell’art. 125 comma 8 e comma 11 secondo periodo del Decreto Legislativo n. 163/2006 senza usufruire delle centrali di committenza o dei soggetti aggregatori?
3) Il primo comma dell’art. 33 del Decreto Legislativo n. 163/2006 recita che “le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori possono acquisire lavori, servizi e forniture, facendo ricorso a centrali di committenza, anche associandosi o consorziandosi”.
Leggendo il 1^ comma insieme al comma 3 bis dell’art. 33 così come modificato dall’art .9 comma 4 del D.L. n. 66 del 24.04.2014, questo Comune pone la seguente domanda: E’ un obbligo o una facoltà per tutti i Comuni non di capoluogo ricorrere a modelli di gestione aggregata (Unioni dei Comuni, accordo consortile, soggetto aggregatore e province) per l’acquisizione di lavori, beni e servizi, indipendentemente dalla loro tipologia, dal loro valore e dagli importi ( siano essi di rilevanza comunitaria che sotto soglia comunitaria) non effettuabili mediante Consip o mercato elettronico?
4) La norma di cui all’art. 9 comma 3 bis dell’art. 33 del Codice dei Contratti trova applicazione già dal 24 aprile 2014 o viene differita al 1° luglio 2014 a causa del combinato disposto con l’art. 3 comma 1 bis della Legge n. 15/2014?

RISPOSTA:
Le nuove disposizioni contenute nel DL 66 sull’obbligo di acquisto accentrato da parte degli Enti Locali sono alquanto controverse e di interpretazione non univoca.
Il principio che il legislatore ha voluto precisare è che l’acquisizione di lavori, beni e servizi deve avvenire nell’ambito degli strumenti elettronici di acquisto o in alternativa mediante l’acquisto accentrato.
Rispetto alla previgente normativa, oltre ad ampliare l’elenco dei soggetti obbligati (tutti i comuni non capoluogo di provincia), viene introdotto un obbligo generalizzato senza distinzione di categorie merceologiche ed importi. In relazione agli importi, inoltre, sparisce l’esclusione per gli acquisti in economia mediante amministrazione diretta e per gli affidamenti diretti sottosoglia.
Si deve tuttavia ricordare che, il ricorso a strumenti elettronici è comunque obbligatorio, già da tempo, ai sensi dell’art. 1 comma 450 della legge 296/2006 che disponeva appunto l’obbligo del ricorso al mercato elettronico ovvero al sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento.
L’obbligo del ricorso agli acquisti accentrati o in alternativa al mercato tuttavia si applica alle procedure per le quali viene effettuata una selezione. Infatti sia la Corte dei Conti che l’AVCP hanno escluso dall’obbligo l’amministrazione diretta in quanto “…sistema di acquisto ontologicamente estraneo al mercato, costituendo una modalità di “autoproduzione” dei lavori, servizi e forniture (Deliberazione AVCP n.22/2008)” analogo principio è stato sostenuto dalla Corte dei Conti per quanto concerne gli affidamenti diretti.
Pertanto nel caso in cui non possa essere utilizzata una delle succitate modalità sarà necessario ricorrere alla centrale unica di committenza ovvero agli strumenti del mercato elettronico.
Si deve ulteriormente ricordare che gli strumenti del mercato elettronico possono essere utilizzati anche nel caso di affidamento diretto poiché è sempre possibile effettuare una RDO (richiesta di offerta) anche per lavori, beni o servizi non già presenti a catalogo.
Alla luce delle riflessioni sopra riportate ed in riferimento ai quesiti esposti si ritiene che:
- è ancora possibile procedere autonomamente a procedure in economia mediante amministrazione diretta per acquisizione di lavori, di beni, servizi e forniture di valore inferiore a 40 mila euro, a tal fine utilizzando il mercato elettronico (ad esempio RDO all’interno del MEPA);
- Il ricorso agli acquisti accentrati o in alternativa al mercato elettronico deve considerarsi obbligatorio.
- In relazione alla decorrenza dell’obbligo potrebbe ipotizzarsi una decorrenza dal primo di luglio 2014 in presenza del differimento di cui all'art. 3, comma 1 - bis, legge n. 15 del 2014). Tuttavia, come sopra ricordato, il ricorso a strumenti elettronici è comunque obbligatorio, già da tempo, ai sensi dell’art. 1 comma 450 della legge 296/2006, al contrario il ricorso agli acquisti accentrati non è concretamente attuabile nell’immediato.

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali