Obbligo di centralizzare le committenze e contratti di finanza di progetto

AREA:FORNITURA DI BENI E SERVIZI 

DOMANDA :

Un Comune ha chiesto se sussista, o meno, in capo ad un Comune non capoluogo di Provincia l'obbligo di aggregazione e centralizzazione degli acquisti, previsto dall'art. 37, c. 4, D. Lgs. 50/2016, nel caso di affidamenti tramite Finanza di Progetto ex art. 183 del succitato decreto. 

RISPOSTA:

A quanto riferito il Comune avrebbe necessità di comprendere se sussista, o meno, l'obbligo in capo all'Ente di aggregazione e centralizzazione degli acquisti previsto dall'art. 37, c. 4, D.Lgs. 50/2016 nel caso di affidamenti tramite Finanza di Progetto ex art. 183 D. Lgs. 50/2016.
Come correttamente evidenziato nella richiesta di parere, in vigenza del vecchio codice dei contratti (D. Lgs. 163/2006) l'obbligo di ricorrere a centrali uniche di committenza introdotto dall'art. 33, c. 3-bis era stato interpretato dalla stessa ANAC (con il comunicato n.11/2015) come limitato ai soli contratti d'appalto mentre le concessioni potevano essere affidate direttamente dalle amministrazioni aggiudicatrici senza ricorrere ad un soggetto aggregatore.
Cionondimeno, già in allora, l'Autorità aveva evidenziato come l'Ente concedente dovesse “effettuare un bilanciamento con i vantaggi che possono derivare dalla centralizzazione in termini di programmazione, progettazione, mancata duplicazione degli interventi, riduzione dei costi, anche nell’ambito delle concessioni di lavori e del project financing”.
Il quadro siffatto è venuto, poi, ad essere profondamente inciso dall'approvazione del nuovo codice dei contratti (D. Lgs. 50/2016) il quale presenta, tra i suoi tratti peculiari ed innovativi, anche quello di disciplinare non solo gli appalti pubblici ma anche le concessioni, ivi comprese le ipotesi di Partenariato Pubblico Privato.
Cionondimeno pare che le disposizioni relative alla qualificazione delle stazioni appaltanti, e con esse l'obbligo di ricorrere alla centralizzazione delle committenze, non vengano in rilievo per l'affidamento di concessioni o contratti di Partenariato Pubblico Privato.
Ed in effetti, da un punto di vista sistematico, tali disposizioni non sono collocate nella Parte I (disposizioni comuni) ma all'interno del Titolo II della Parte II, dedicata ai contratti di appalto per lavori, servizi e forniture.
Lo stesso art. 37 non fa mai riferimento alle concessioni od al PPP ed, anzi, il tenore letterale pare volerne limitare l'applicazione oggettiva agli acquisti di forniture, servizi o all'affidamento di lavori.
Nè pare esservi un rinvio all'obbligo di ricorrere alla centralizzazione delle committenze all'interno della specifica disciplina dettata per le concessioni ed il PPP nella Parte III del Codice: ed infatti l'art. 164 prevede che “alle procedure di aggiudicazione di contratti di concessione di lavori pubblici o di servizi si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni contenute nella parte I e nella parte II, del presente codice, relativamente ai principi generali, alle esclusioni, alle modalità e alle procedure di affidamento, alle modalità di pubblicazione e redazione dei bandi e degli avvisi, ai requisiti generali e speciali e ai motivi di esclusione, ai criteri di aggiudicazione, alle modalità di comunicazione ai candidati e agli offerenti, ai requisiti di qualificazione degli operatori economici, ai termini di ricezione delle domande di partecipazione alla concessione e delle offerte, alle modalità di esecuzione”.
Come si vede, si fa espresso riferimento alle procedure di aggiudicazione, ai requisiti generali e speciali degli operatori economici, ma nulla viene detto circa la qualificazione – e, quindi, sui requisiti soggettivi – che devono essere posseduti dalle stazioni appaltanti o dalle centrali di committenza.
Peraltro, a rigor di logica, tale soluzione pare porsi almeno in parte in contrasto con le finalità proprie della centralizzazione delle commitenze (ad esempio la riduzione del numero delle stazioni appaltanti con conseguente facilitazione delle operazioni di controllo; la concentrazione delle attività su Enti che abbiano strutture organizzative adeguate e specializzazione delle stesse) che, a ben vedere, vengono in rilievo tanto per gli appalti quanto per le concessioni.
Pertanto, sebbene al momento non paia sussistere un espresso obbligo di ricorrere ad una centrale di committenza, ritengo utile che l'Amministrazione valuti con molta attenzione – anche alla luce del valore, della durata e della complessità del contratto di PPP – l'opportunità, o meno, di ricorrere ad una centrale di committenza.

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali