Modalità di affidamento degli impianti sportivi comunali

AREA: ALTRO

DOMANDA :

Un Comune chiede chiarimenti circa le modalità con cui dovrà affidare il bocciodromo comunale, tenuto conto anche del rapporto convenzionale in essere con la locale associazione bocciofila, ormai giunto a naturale scadenza. 

RISPOSTA: 

Per poter evadere la richiesta dell'Ente corre l'obbligo, anzitutto, di tracciare nei suoi perimetri il quadro giuridico di riferimento.
La gestione degli impianti sportivi può, a seconda che assuma o meno rilevanza economica, essere qualificata quale concessione di servizi oppure quale appalto di servizi.
Peraltro, ai fini dell'individuazione di una potenziale rilevanza economica, è necessario, in sostanza, distinguere quei servizi resi alla collettività anche al di fuori di una logica di profitto d’impresa, cioè quelli che il mercato privato non è in grado o non è interessato a fornire, da quelli appetibili per gli operatori economici.
Svolta questa valutazione, laddove la gestione del bocciodromo dovesse ritenersi priva di alcun rilievo economico, allora si potrà procedere ad un affidamento quale servizio reso per conto dell’Amministrazione ed in assenza di rischio operativo, secondo le specifiche previsioni dettate dal Codice per gli appalti di servizi sociali, di cui al Titolo VI, sez. IV.
Diversamente, qualora la gestione dell'impianto risultasse economicamente rilevante, è oramai stato più volte chiarito come, dovendosi qualificare tale attività quale concessione di servizi, deve ritenersi superata la norma dettata dall'art. 90, c. 25 della legge 289/2002 ove si prevedeva, in sostanza, la possibilità per gli enti di affidare, in via preferenziale, gli impianti sportivi a società e associazioni sportive dilettantistiche sulla base di convenzioni dirette.
Pertanto la gestione, ove non assunta direttamente dall’ente, non potrà che sottostare alle regole dell’evidenza pubblica prevista per la “concessione di pubblico servizio”, con la conseguenza che l’ente locale che intenda affidare a terzi tale gestione è tenuto, ai sensi dell’articolo 30, comma 3, del d.lgs. n. 163/2006, ad indire una procedura selettiva tra i soggetti qualificati in relazione al suo oggetto (del. ANAC. n. 1300 del 14.12.2016; si veda, in termini, Cons. Stato, sent. 27.2.2018, n. 1172).
A tal proposito è bene peraltro ricordare come l'art. 164 del Codice dei contratti, portante l'oggetto e l'ambito di applicazione dei contratti di concessione, preveda come “alle procedure di aggiudicazione di contratti di concessione di lavori pubblici o di servizi si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni contenute nella parte I e nella parte II, del presente codice, relativamente ai principi generali, alle esclusioni, alle modalità e alle procedure di affidamento...”.
Ciò detto, qualora venga indetta una procedura selettiva il favor indicato dal Legislatore nazionale per le associazioni sportive può essere adeguatamente valorizzato – secondo la stessa Autorità – procedendo “ad un confronto concorrenziale tra i soggetti indicati nella stessa disposizione normativa (L. 382/2002,n.d.r)”.
Ma, a ben vedere, v'è di più.
La Legge Regionale Veneto n. 8/2015 fornisce – nell'ambito della potestà regionale, da leggersi sempre in coerenza con il quadro normativo nazionale e comunitario, quale il sopravvenuto D. Lgs. 50/2016 – ulteriori criteri circa l'affidamento degli impianti sportivi comunali ove, oltre a prevedere alcune ipotesi di affidamento diretto, ribadisce l'utilità di procedere a procedure di evidenza pubblica snelle, indirizzate alle associazioni sportive operanti sul territorio ( da non intendersi in senso stretto come quello comunale), nonché valorizzando la precedente esperienza nel settore ed altri aspetti tecnico organizzativi, ponendo invece in secondo piano gli aspetti economici dell'offerta.

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali