Nomina del responsabile per la transizione al digitale in assenza di personale interno debitamente qualificato

AREA: PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE

DOMANDA :

Viene domandato se l'incarico di responsabile per la transizione al digitale previsto dal Cad possa essere nominato all'esterno dell'Ente qualora non vi sia personale interno dotato di professionalità e competenze richieste per l'incarico da attribuire.

RISPOSTA: 

La figura del responsabile per la transizione al digitale è prevista e disciplinata dall'art. 17 del D. Lgs. n. 82/2005, per come successivamente novellato dal D. Lgs. n. 179/2016 e dal D. Lgs. n. 217/2017.
Si tratta essenzialmente di una figura deputata a garantire la transizione al digitale dell'Amministrazione mediante svolgimento di innumerevoli compiti di programmazione, indirizzo, coordinamento e monitoraggio (art. 17 c.1), la quale dovrà rispondere direttamente all'organo di vertice politico o, in sua assenza, a quello amministrativo dell'Ente (art. 17, c. 1-sexies).
Per tali ragioni il legislatore ha previsto che “il responsabile dell'ufficio di cui al comma 1 è dotato di adeguate competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali” (art. 17, c. 1-ter).
Detta disciplina, tuttavia, è stata sviluppata avendo quale chiaro riferimento – depone in tal senso un'attenta lettura della disposizione in analisi – le PP.AA. di maggiori dimensioni, tendenzialmente Amministrazioni Centrali, dotate ed articolate in uffici dirigenziali, nell'ambito dei quali deve essere necessariamente individuato il responsabile per la transizione.
Per chiarire, almeno in parte, le modalità di individuazione di tale figura all'interno delle altre PP.AA. è stato previsto che “nel rispetto della propria autonomia organizzativa, le pubbliche amministrazioni diverse dalle amministrazioni dello Stato individuano l'ufficio per il digitale di cui al comma 1 tra quelli di livello dirigenziale oppure, ove ne siano privi, individuano un responsabile per il digitale tra le proprie posizioni apicali. In assenza del vertice politico, il responsabile dell'ufficio per il digitale di cui al comma 1 risponde direttamente a quello amministrativo dell'ente” (c. 1 sexies).
Successivamente, poi, viene chiarito che “i soggetti di cui al comma 1-sexies possono esercitare le funzioni di cui al medesimo comma anche in forma associata” (c. 1-septies).
Sul tema è anche intervenuta una successiva circolare, la n. 3/2018, del Ministero per la Pubblica Amministrazione che, data la sua attinenza alla questione in analisi, si invita a consultare.
Ebbene, dal siffatto quadro giuridico si ritiene che il responsabile per la transizione debba essere individuato tra le posizioni apicali presenti all'interno del Comune o, comunque, debba essere possibilmente evitato l'incarico di un soggetto esterno che non sia organico ad altra Amministrazione.
D'altronde anche la specificazione di cui al c. 1-septies, nel consentire lo svolgimento di tale funzione in forma associata – in sostanziale deroga al principio per cui ciascuna Amministrazione individua al proprio interno la suddetta figura – pare confermare implicitamente la necessità di provvedere con dette modalità all'individuazione del RTD.
Restano tuttavia insolute le criticità legate all'eventuale incompetenza, rispetto a quanto richiesto dalla stessa norma, delle figure apicali presenti all'interno dell'Ente.
A tal riguardo, ci si permette di avanzare due possibili soluzioni.
Anzitutto, anche nella prospettiva di una definitiva digitalizzazione della P.A., sarebbe auspicabile che una o più figure interne dell'Ente acquisiscano opportune competenze tecnologiche ed informatiche. In sede di prima nomina del RTD, si potrebbe pensare anche ad un affiancamento, anche a fini formativi, da parte di un consulente esterno.
In seconda battuta, si potrebbe verificare la possibilità di nominare un RTD attingendo da personale di altro ente locale, in coerenza con l'art. 17, c. 1-sexies ed anche alla luce del favor, ancora recentemente ribadito, verso la condivisione delle risorse umane tra enti locali i quali “possono utilizzare, con il consenso dei lavoratori interessati, personale assegnato da altri enti cui si applica il contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto funzioni locali per periodi predeterminati e per una parte del tempo di lavoro d'obbligo, mediante convenzione e previo assenso dell'ente di appartenenza. La convenzione definisce, tra l'altro, il tempo di lavoro in assegnazione, nel rispetto del vincolo dell'orario settimanale d'obbligo, la ripartizione degli oneri finanziari e tutti gli altri aspetti utili per regolare il corretto utilizzo del lavoratore. Si applicano, ove compatibili, le disposizioni di cui all'articolo 14 del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto delle regioni e delle autonomie locali del 22 gennaio 2004” (art. 1, c. 124 L. n. 145/2018).

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali