Rappresentanza di genere nelle giunte comunali

AREA: ORGANI ISTITUZIONALI

DOMANDA :

Un Comune associato chiede delucidazioni circa la corretta applicazione dell’art. 1, c. 137, della legge 56/2014, ove è stato previsto che “nelle giunte dei Comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%, con arrotondamento aritmetico”.

RISPOSTA: 

Com'è stato correttamente rilevato dall'Ente locale, in alcune ipotesi (ad esempio ove si sia in presenza di una giunta composta di 3 membri) non potrebbe comunque essere aritmeticamente garantita la rappresentanza di genere in misura non inferiore al 40%.
Cionondimeno è possibile giungere ad una soluzione del problema in ragione di una corretta interpretazione teleologica, nonché sistematica della disposizione sopra citata nell'ambito della disciplina vigente in materia di organi degli Enti Locali.
Dapprima occorre fornire due utili precisazioni.
Anzitutto, quanto alla composizione della Giunta, non bisogna dimenticare che la Giunta è composta di diritto dal Sindaco e dagli assessori (art. 47 del TUEL). Pertanto, nel calcolare il numero dei membri della giunta, anche ai fini dell'applicazione delle disposizioni in materia di rappresentanza di genere, dovrà essere computato anche il Sindaco.
Quanto, invece, al principio dell'arrotondamento aritmetico, si segnala essere questo un criterio non introdotto dalla L. 56/2014 ma utilizzato, in vari frangenti, per la disciplina della composizione ma anche del funzionamento degli organi degli Enti Locali.
In estrema sintesi e per quanto qui più interessa tale criterio permette unicamente di arrotondare la cifra del genere meno rappresentato all’unità superiore, anche alla luce dell’interpretazione fornita dal Ministero con la circolare 37/2014.
Come si vede, quindi, non è attraverso il criterio dell'arrotondamento aritmetico che può essere risolto il problema sollevato.
Venendo, poi, alla disciplina relativa alla rappresentanza di genere, va altresì opportunamente premesso come questa debba comunque essere applicata secondo criteri di ragionevolezza ed equo bilanciamento con l'altrettanto fondamentale interesse di garantire il corretto funzionamento degli organi degli enti locali.
Così, secondo l’orientamento della più recente giurisprudenza amministrativa, al fine di non determinare un’interruzione dell’esercizio delle funzioni politico-amministrative, l’eventuale impossibilità di assicurare l’equilibrio di genere nella composizione della Giunta comunale nella misura stabilita dalla legge può essere adeguatamente provata attraverso un’accurata ed approfondita istruttoria ed un altrettanto adeguata e puntuale motivazione del provvedimento sindacale di nomina degli assessori (Cons. di Stato, Sez. V, sent. n. 406/2016). In particolare, affinché un decreto di nomina della Giunta sia legittimo e rispetti la portata precettiva dell’art. 51 Cost., come precisato dalla giurisprudenza (cfr. Cons. di Stato, Sez. I, n. 93/2015 e Tar Lazio, Sez. II, 20 gennaio 2012, n. 679), occorre che contenga i seguenti elementi giustificativi:
- “la dimostrazione di una preventiva e necessaria attività istruttoria, volta ad acquisire la disponibilità allo svolgimento dell’attività assessorile da parte di persone di entrambi i sessi;
- un’adeguata motivazione della mancata applicazione del principio di pari opportunità”.
Anche a fronte di tali considerazioni, ed alla luce dell'indiscussa facoltà riservata al Sindaco di nominare un numero di assessori inferiori a quello massimo previsto dalla legge ed eventualmente anche dallo Statuto (la facoltà attribuita al primo cittadino di determinare il numero dei componenti la Giunta è opzione che valorizza la responsabilità politico-amministrativa del Sindaco, come evidenziato dallo stesso Cons. Stato, sez. I, con parere 741/2000), si ritiene che, nel caso in cui non sia comunque possibile garantire ad alcuno dei due generi una rappresentanza almeno al 40%, si potrà comunque procedere alla nomina della giunta garantendo al genere meno rappresentato la rappresentanza maggiore possibile (in questo caso del 33,33%), ancorchè inferiore alla percentuale prevista dalla norma.
Soluzione che, peraltro, è stata fatta propria anche dal Giudice Amministrativo il quale ha espressamente affermato che “in presenza dell’impossibilità di ottenere una percentuale del 40% su un numero dispari di componenti di un organo municipale, la presenza del 37,5 % di donne tra gli assessori scelti dal Sindaco appare una scelta corretta, almeno non indicatrice di prevaricazione delle donne” (Cons. Stato, Sez. V, sent. 27.6.2018, n. 3948).

Area Riservata

Accesso per download documenti riservati

News Ultimi Quesiti

Giornate Studio

Giornata di Studio in Videoconferenza

GIORNATE IN VIDEO CONFERENZA

LEZIONI DEL PROF.         VITTORIO ITALIA

INTITOLAZIONE DELLE TEMATICHE

Venerdì 15 dicembre 2017 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

I regolamenti comunali e la sicurezza.
I precedenti regolamenti.
I regolamenti nella disciplina del vigente Testo unico degli Enti locali.
I nuovi regolamenti di polizia locale previsti dalla legge 48/2017.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 12 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Tipi di ordinanze.
Le ordinanze “ordinarie”, le ordinanze “urgenti”.
Le nuove ordinanze di “necessità urgente” emanate dal Sindaco.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 26 gennaio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Le ordinanze “contingibili ed urgenti” del Sindaco.
Il concetto di “contingibile”.
Casi pratici di ordinanze in materia di:
Accesso; Beni pubblici; Cani ed altri animali; Circhi equestri; Commercio; Decoro urbano; Edilizia.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Extracomunitari; Farmacie; Igiene e sanità; Inquinamento acustico; Inquinamento elettromagnetico; Inquinamento sanitario.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 febbraio 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Mendicità ed accattonaggio; Moschee; Prostituzione; Responsabilità; Risarcimento danni; Sale giochi.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 9 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

Le ordinanze e la sicurezza.
Casi pratici di ordinanze “contingibili ed urgenti” in materia di:
Servizio idrico; Sicurezza; Sigarette elettroniche; Traffico; Trasporto pubblico; Uffici postali.
Errori che hanno determinato l’annullamento di molte ordinanze da parte del Giudice amministrativo.
Problemi, casi pratici e soluzioni giurisprudenziali.

Venerdì 23 marzo 2018 in video conferenza dalle h. 10,00 alle h. 12,15

La prevenzione e la sicurezza nella legge 48/2017.
Le misure di prevenzione personale amministrativa.
Divieto di accesso e stazionamento.
Interventi contro il degrado, deturpamento ed imbrattamento.
Misure di allontanamento.
Limiti al commercio per vendita di superalcolico ai minori.
Problemi e casi pratici, e prime soluzioni giurisprudenziali.

 

Si informa che le dirette video live delle conferenze si possono seguire in 2 modi:

Eventuali domande al relatore potranno essere rivolte attraverso la pagina Facebook

Giornata di Studio - Monza - 2 dicembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LA SICUREZZA DELLE CITTA”
I nuovi compiti dei Sindaci e dei Dirigenti comunali

Monza

HOTEL HELIOS – SALA ARGON – VIALE ELVEZIA 4

PARTECIPAZIONE GRATUITA

02 Dicembre 2017

RELATORE: PROF. VITTORIO ITALIA

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

• La sicurezza “integrata” nella legge 46/2017
• Lo statuto del Comune e la sicurezza
• I regolamenti del Comune e la sicurezza. I nuovi regolamenti per le aree “sensibili”
• Le ordinanze del Comune e la sicurezza. Tipi di ordinanze. Le ordinanze “contingibili ed urgenti” e gli errori da evitare

 

Convenzione con associazione Mosaico - Servizio civile e leva civica regionale. Un’opportunita’ per gli Enti Locali

 

E’ possibile richiedere la documentazione alla segreteria della Confederazione Co.Nord.

Giornata di Studio - Saronno - 14 novembre 2017

Giornata di Studio sul tema:

“LE LINEE GUIDA E I PROVVEDIMENTI ANAC DI ATTUAZIONE
DEL D.LGS. N. 50/2016”

Saronno (VA)

AUDITORIUM della Scuola Media Statale A. MORO
VIALE SANTUARIO N. 13

PARTECIPAZIONE GRATUITA

14 Novembre 2017

RELATORE: AVV. GIORGIO LEZZI

 PROGRAMMA (9.30 – 13.30)

 

Il contesto normativo: la l.n. 190/2012 e il d.lgs. n. 33/2013, come modificati dal d.lgs. m. 97/2016
Gli strumenti per la lotta alla corruzione: il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (“PTPC”) e la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (“RPCT”)
Il Contenuto del PTPC, alla luce delle previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione: il ciclo di gestione del rischio e le misure per la prevenzione
La nozione di trasparenza, in considerazione delle mutate coordinate normative, e l’ambito di applicazione del d.lgs. n. 33/2013
I nuovi strumenti della trasparenza:
• gli obblighi di pubblicazione di atti, dati, informazioni;
• l’accesso civico “semplice” e l’accesso civico “generalizzato”, e loro differenze rispetto al tradizionale accesso “documentale”
Il regime di pubblicità degli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici e alcuni risvolti processuali